Diritti del viaggiatore è una campagna informativa diretta ad illustrare la nuova disciplina di derivazione europea applicabile ai viaggiatori che acquistano un pacchetto turistico o dei servizi turistici collegati.

Lo sviluppo e la sempre crescente diffusione di nuove tecnologie consentono oggi di programmare i propri viaggi ricorrendo non soltanto alla tradizionale agenzia di viaggio o al tour operator, ma utilizzando portali online che permettono di acquistare dei pacchetti in pochi click. Le innumerevoli possibilità di scelta e di personalizzazione di tali pacchetti hanno reso opportuno l’intervento del legislatore europeo che, preso atto dell’inadeguatezza della disciplina previgente, ha adottato una nuova direttiva a tutela del viaggiatore.

La vecchia direttiva 314 del 1990, infatti, mirava a conferire al settore turistico un grado di omogeneità minimo, sufficiente per consentire l’eliminazione di ostacoli alla realizzazione di un mercato comune dei servizi.

Nel 1990, tuttavia, il legislatore europeo, operava attraverso tecniche di armonizzazione minima, ossia stabilendo esclusivamente quali caratteristiche un prodotto o un servizio dovessero possedere per essere commercializzati nel territorio comunitario, ma lasciando agli Stati membri la possibilità di implementare tali previsioni mediante l’individuazione di standard più rigidi. Tuttavia, nel tempo, l’eccessiva elasticità lasciata ai singoli Stati ha dato luogo a diversi fenomeni di disarmonia tra le varie leggi di recepimento nazionali; tali disarmonie, unitamente alla necessità di uniformare quanto più possibile il mercato, hanno spinto il legislatore comunitario, a ritornare sulla materia adottando una tecnica di normazione di armonizzazione massima.

La nuova Direttiva 2015/2302/UE, che abroga la precedente 90/314/CEE, infatti, ha introdotto un livello di tutela non solo maggiore per i “consumatori” che acquistano pacchetti turistici, ma soprattutto uniforme in tutto il territorio europeo. Questa direttiva Europea è stata recepita in Italia dal Decreto Legislativo 21 maggio 2018, n. 62 entrato in vigore dal 1° luglio 2018, che con la tecnica della novella legislatura è andato a modificare il Decreto Legislativo del 23 maggio 2011, n. 79 (il cd. Codice del Turismo), e punta a dare al viaggiatore gli strumenti per fare una scelta consapevole, confrontare le offerte e conoscere i propri diritti in caso di problemi.
Approfondisci queste tematiche nelle varie sezioni SCARICANDO IL PDF RIEPILOGATIVO

Buon viaggio